Allen vs Farrow, la serie fa arrabbiare il regista: la sua risposta furiosa

Da poco è stato pubblicato il primo episodio della serie Allen vs Farrow ed è già guerra. Il registra risponde duramente alla accuse.

allen attacca i farrow
Woody Allen e Mia Farrow (Fonte GettyImages)

Domenica 21 Febbraio è stata rilasciata finalmente la prima delle quattro parti del documentario Allen vs Farrow. La docu-serie tratta delle accuse fatte da parte della figlia adottiva del noto regista statunitense, Dylan Farrow, negli anni Novanta. Come tutti sappiamo, Woody Allen fu accusato e denunciato di abusi sessuali nei confronti di Dylan che all’epoca aveva solo sette anni.

La fama del regista ha fatto sì che la straziante e terribile storia della Farrow diventasse un caso mediatico. Nella docu-serie vengono mostrati tantissimi video e foto amatoriali girati dall’ex compagna di Woody e madre di Dylan, Mia Farrow.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Woody Allen, continua la bufera: “Era solo una minorenne”

Il regista Woody Allen attacca duramente la famiglia Farrow

allen attacca i farrow
Woody Allen (Fonte GettyImages)

Il documentario Allen vs Farrow ha stravolto completamente l’opinione pubblica. La storia degli abusi subiti dalla figlia adottiva Dylan Farrow è iniziata negli anni Novanta. Dopo la battaglia legale per la custodia unica dei figli, vinta dall’ex compagna del regista, Mia, tutto tacque. I legali accantonarono il caso in quanto il fatto non sussisteva. La pubblicazione del documentario, però, ha riportato a galla la vicenda riaprendo vecchie ferite per Dylan che non hanno mai avuto modo di rimarginarsi del tutto.

Woody, in seguito al rilascio del primo dei quattro episodi della docu-serie, ha deciso di rompere il silenzio e parlare. Secondo il regista, i documentaristi non hanno alcuna intenzione di portare alla luce la verità. Infatti, sostiene che l’intero progetto prodotto da Amy Ziering e Kirby Dick non è altro che un attacco feroce alla sua persona e alla sua reputazione. Lo sceneggiatore ha dichiarato che il documentario è fortemente intriso di falsità. Inoltre, ha affermato che non hanno permesso né a lui, né alla moglie, fgilia adottiva di Mia, Soon-Yi, di poter replicare e fornire la loro versione dei fatti.