“commissariare-autostrade,-cosi-torna-al-pubblico”.-l’azione-dei-parenti-delle-vittime-del-morandi

“Commissariare Autostrade, così torna al pubblico”. L’azione dei parenti delle vittime del Morandi

Continua la guerra tra le famiglie delle vittime del ponte Morandi e Autostrade. Il Comitato che riunisce i parenti della strage del Ponte Morandi ha depositato alla Procura di Roma un’istanza di sequestro della società con richiesta di commissariamento. L’ipotesi del Comitato, sostenuto da Cna Genova e Liguria, il sindacato degli agenti di commercio, Trasportounito, Assiterminal e il comitato ex-zona arancione, è che i pedaggi siano stati usati per pagare il debito accumulato dagli azionisti per acquisire la società, in violazione alla normativa europea. (Continua a leggere dopo la foto)

L’azione dei parenti delle vittime del ponte Morandi arriva a pochi giorni dal verdetto dell’assemblea dei soci di Atlantia, previsto per lunedì 31 maggio, sulla cessione della maggioranza di Autostrade al consorzio composto da Cdp, Blackstone e Macquarie. “La nostra tesi già portata avanti nell’esposto presentato lo scorso anno – spiega al Fatto Quotidiano Raffaele Caruso, portavoce dei consulenti legali dei comitati – è che negli anni la tariffa pagata dagli utenti non sia stata usata per gli investimenti e la manutenzione del bene pubblico, ma per pagare il debito contratto dai soci per acquisire la società”. (Continua a leggere dopo la foto)

Le stesse associazioni a marzo avevano presentato un esposto anche alla Commissione europea. “Se quello che diciamo è vero – aggiunge l’avvocato – i contenuti economici dell’accordo tra Aspi e Cdp sono totalmente falsati, perché si andrebbe a comprare con soldi pubblici una società che è già stata pagata dal pubblico con le tariffe”. Se questa volta l’istanza dovesse essere accolta dal gip, secondo i comitati: “Con il commissariamento la gestione delle autostrade tornerebbe in mani pubbliche, senza la necessità di revoca della concessione”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Siamo consapevoli di essere come Davide contro Golia – aggiunge Egle Possetti – ma non possiamo smettere di sperare e lottare affinché fatti drammatici come la tragedia che ha portato via le nostre famiglie non accadano più”. Avanti tutta! Le vittime del Ponte Morandi gestito da Autostrade attendono ancora giustizia.

Ti potrebbe interessare anche: Santoro mette tutti in mutande: “Nei Tg mai un medico critico sui vaccini: è inaccettabile”

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *