omicidio-a-civitanova-marche,-uomo-ucciso-a-colpi-di-stampella

Omicidio a Civitanova Marche, uomo ucciso a colpi di stampella

Omicidio a Civitanova Marche: un uomo di 39 anni, originario della Nigeria, è stato ucciso da un italiano a colpi di stampella. L’aggressore si è scagliato contro la vittima, dopo averla accusata di presunte molestie alla sua fidanzata.

Uomo ucciso a colpi di stampella

Omicidio a Civitanova Marche. Un uomo nigeriano di 39 anni è stato ucciso da un cittadino italiano. Sulla base delle prime ricostruzioni effettuate, pare che la vittima sia stata colpita fino al sopraggiungere della morte con una stampella. Il 39enne è stato identificato come Alika Ogorchukwu, un ambulante che risiedeva a San Severino e che era particolarmente noto dagli abitanti di Civitanova Marche.

Le forze dell’ordine hanno subito rintracciato e posto in stato di fermo il responsabile del delitto.

In considerazione di quanto riferito da alcuni testimoni, pare che l’aggressore abbia riferito ai militari che la vittima avesse importunato la sua fidanzata innescando il pestaggio mortale. Dopo le avance, infatti, i due uomini avrebbe cominciato a discutere: la lite è, poi, rapidamente degenerata con il cittadino italiano che si è stagliato contro Ogorchukwu colpendolo ripetutamente con la stampella.

Omicidio a Civitanova Marche

Le indagini sono state affidate agli uomini della squadra mobile, coordinati dal procuratore Claudio Rastrelli.

Gli agenti stanno raccogliendo tutte le testimonianze dei presenti all’aggressione. Alcuni dei testimoni, inoltre, pare abbiano filmato l’accaduto con i loro cellulari. Intanto, si sta procedendo con l’acquisizione dei video delle telecamere di sorveglianza situate in corrispondenza dell’area in cui si è consumato l’omicidio.

In particolare, il pestaggio si è verificato in Corso Umberto, una delle strade principali di Civitanova Marche, intorno alle ore 14:00 di venerdì 29 luglio. I negozianti presenti in zona hanno riferito alle autorità che la stampella usata per commettere il delitto apparteneva proprio alla vittima.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published.