puiatti,-ineccepibile-esercizio-di-stile

PUIATTI, INECCEPIBILE ESERCIZIO DI STILE

La ricerca della semplicità non è affar semplice. Lo sa bene Cantina Puiatti, storica azienda friulana che dal 2015 fa parte del Gruppo Bertani Domains, oggetto non solo di una felice operazione di rebranding attraverso un esercizio di stile cromatico nel labelling, fortemente centrato verso la ricerca di una identità da protagonista, ma soprattutto al centro di una rivisitazione stilistico enologica volta all’immediatezza e all’approcciabilità. Quel piacere di sorso disimpegnato, frutto di uno stile di vinificazione essenziale – come da tradizione esclusivamente in acciaio – rimane concretezza di una filosofia nitida e lineare, un fil rouge che si trasfonde persino nel design di cantina e che giova di un’architettura di spazi funzionali, armonia e proporzioni. Anche il claim “Il Friuli come non lo avete mai visto” afferma, con un pizzico di presunzione, la visione moderna del territorio secondo Puiatti: forma e contenuto coerenti, una progressione di scelte senza compromessi, il vino allineato all’identità del Friuli in una capacità di valori che si confermano immediati, ma mai semplici.

Il territorio appunto, quella ineguagliabile molteplicità di fattori peculiari che a Romans d’Isonzo, nell’agro pedecollinare ghiaioso e fresco dell’Isonzo, in un clima tangibilmente denso di variabilità e composizione, con venti di differente provenienza e una bora fredda e secca mitigata dalle brezze marine dell’Adriatico, accoglie i 42 ettari vitati di proprietà. Suoli e substrati coesi con il contenuto, una metafisica del vino che indaga gli aspetti più autentici della materia prima, definita da caratteristiche organolettiche di pulizia, freschezza, sapidità e un carattere sempre meno riconducibile a uno stile “barocco”. Obiettivi che confluiscono in una esteriorità determinata da una scala cromatica che segue i toni dell’acciaio, materiale su cui si fonda il metodo della cantina, mentre i colori secondari richiamano la natura e l’anima minerale del terroir. Semplicità e quella franca capacità di mettersi a nudo, un concept progettuale che sposa una nuova immagine per ogni singolo autoctono, espressione di una percezione autentica. Protagonista insieme alle nuove etichette aziendali è il tappo a vite, soluzione ideale per vini che fanno della gioventù e della freschezza il loro punto di forza.

 

DEGUSTAZIONE

 

 

FRIULI PINOT GRIGIO DOC 2020

93/100

Un incontro ricco di personalità tra un sorso dal sapore deciso e una struttura dalla trama fitta e moderna. Ricordi di ananas, pesca a polpa gialla, sottili note di karkadè, fiori d’arancio e una raffinata speziatura, definiscono ai sensi un pensiero di stoffa e pregevolezza per una materia densa e affascinante.

 

FRIULI SAUVIGNON BLANC DOC 2020

92/100

Notoriamente complesso nella sua manifestazione gusto-olfattiva, rimane un esercizio di stile di pura espressione varietale. Definito da una eleganza impressionante, è un’eco di frutta tropicale, salvia, foglia di pomodoro, fiori bianchi, sapidità, verticalità, mineralità e persistenza

 

FRIULI FRIULANO DOC 2020

93/100

L’essenzialità in una delle varietà più tipiche del luogo. Una versione equilibrata, dal palato asciutto e dalla trama serrata, in un’interpretazione che ritrova nella memoria olfattiva aromi di pesca bianca, pepe bianco, fieno e fiori di campo.

 

VENEZIA GIULIA RIBOLLA GIALLA IGT 2020

91/100

È il vino del luogo, in una pura espressione varietale che esibisce un’affascinante mineralità e un delicato equilibrio di aromi e fragranze. Raffinato, aereo, di grazia, si mantiene fresco e lineale nella sua più tipica espressione di mela verde, salvia e uva spina.

 

FRIULI CHARDONNAY DOC 2020

90/100

Di tendenza dominante, è l’esecuzione classica di un vitigno internazionale che si mantiene fedelmente ancorato al suo stile, equilibrato, intenso, fresco. Naso ampio di agrumi e nocciola, conferma al palato i tratti sapido minerali tipici della pianura isontina.

 

FRIULI TRAMINER DOC 2020

90/100

Caratterizzato da una connotazione aromatica di ispirazione neo-zelandese, gode di una piacevole pienezza e di un’amabilità secca e contemporanea. Nella palette aromatica tutto il volume delle fragranze di litchi, miele d’acacia, cardamomo, pera e mango.

 

puiatti.com

L’articolo PUIATTI, INECCEPIBILE ESERCIZIO DI STILE proviene da James Magazine – High Things, tra Bellezza, Arte e Champagne. Autore: Giovanna Romeo

Related Posts