un-«colpo-durissimo»-per-la-tecnologia-medica

Un «colpo durissimo» per la tecnologia medica

SVIZZERA / UE

26.05.2021 – 17:00

Con la rottamazione dell’Accordo quadro, l’industria svizzera del settore ha perso il libero accesso al mercato europeo.

D’ora in poi le imprese elvetiche dovranno rispettare requisiti più severi per l’esportazione dei loro dispositivi sanitari verso l’Unione europea.

BERNA – Con l’odierna decisione del Consiglio federale di non firmare la bozza di accordo istituzionale con l’UE, l’industria svizzera della tecnologia medica ha perso il libero accesso al mercato interno europeo. La Confederazione è infatti relegata al ruolo di Stato terzo con l’entrata in vigore del nuovo regolamento sui dispositivi medici.

«A causa dell’assenza di un accordo quadro tra la Svizzera e l’Unione europea (UE), quest’ultima non ha aggiornato l’Accordo sul reciproco riconoscimento in materia di valutazione della conformità (MRA)», ha constatato l’associazione di categoria Swiss Medtech. D’ora in poi, le imprese elvetiche dovranno rispettare requisiti più severi per l’esportazione dei loro dispositivi medici verso l’UE.

Dovranno inoltre far fronte a costi supplementari e a oneri amministrativi più pesanti. Tali aziende dovranno d’ora in poi designare un rappresentante in un Paese dell’UE ed etichettare i loro prodotti conformemente alla regolamentazione dei 27 Paesi comunitari.

Decine di milioni di franchi – L’associazione di categoria stima in 114 milioni di franchi le spese amministrative puntuali delle imprese elvetiche per gli adeguamenti e a 75 milioni i costi annuali ricorrenti, il che corrisponde rispettivamente al 2% o all’1,4% del volume di esportazioni (5,2 miliardi di franchi) dalla Svizzera verso l’UE. »«Se si considera l’insieme del settore svizzero delle tecnologie mediche, i costi puramente amministrativi sono sopportabili», ha commentato il presidente di Swiss Medtech Beat Vonlanthen, citato in una nota.

Perdita d’attrattiva – «Siamo molto più preoccupati per la perdita di attrattiva del sito e le conseguenze negative che ne derivano. Per esempio, per le aziende europee che auspicano stabilirsi in Europa, la Svizzera perde notevolmente in termini di attrattiva per gli investimenti rispetto ai Paesi dell’UE a causa della burocrazia legata al suo statuto di Stato terzo», ha spiegato Vonlanthen.

Le speranze che la Confederazione, come altri Paesi terzi, possa beneficiare di un periodo transitorio sino al 2024 per i prodotti della tecnologia medica già certificati e quindi approvati dall’UE sono andate deluse.

Berna e Bruxelles avevano condotto discussioni a questo proposito, ma stando a Swiss Medtech, nessun accordo è stato trovato finora. La Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha confermato oggi all’agenzia Keystone-ATS che non è stata raggiunta alcuna soluzione, ma ha assicurato che «le discussioni proseguono».

Misure svizzere – Nel caso in cui l’accordo non fosse stato aggiornato in tempo, il Consiglio federale ha deciso una settimana fa di prendere misure che sono entrate in vigore oggi. Concretamente i fabbricanti dell’UE devono designare un rappresentante autorizzato in Svizzera ed etichettare i loro prodotti con i suoi dati.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *