villa-marina,-l’oasi-di-capri

VILLA MARINA, L’OASI DI CAPRI

Il fascino di Capri è senza tempo. L’isola che ha sempre attratto attori, musicisti, scrittori e personaggi del jet-set internazionale come Curzio Malaparte, Jackie Kennedy, Brigitte Bardot, Greta Garbo, ed ora Jennifer Lopez, Mariah Carey, Leonardo DiCaprio e Jamie Foxx. Cindy Lauper ha scelto per la sua vacanza caprese un posto intimo e unico: Villa Marina Capri. Una casa privata trasformata in hotel 5 stelle, con solo 22 camere, dedicate a 22 personaggi che hanno vissuto Capri (Neruda, Gracie Fields, Prampolini, Depero, Malaparte, Munth e altri).

Tutto ha origine nel 1924 quando proprio qui nacque Carmì, che da grande si laureò in lingue per seguire il grande desiderio di comunicare con il mondo e abituò i tre figli a vivere con la porta aperta agli amici e con la curiosità per tutte quelle persone che, anche inaspettatamente, varcavano quell’uscio. Uno spaghetto alla “chiummenzana”, con pomodoro fresco, basilico e origano appena colti in giardino, un raviolo con la caciotta fresca, un’insalata di pomodori o un piatto di totani e patate, qui non mancavano mai.

All’eleganza e all’allure da salotti internazionali che si respiravano a Capri contribuì l’arrivo, durante la seconda guerra mondiale, di un’ebrea tedesca in fuga dalle persecuzioni naziste: Margì, che poi sposò un caprese e si unì alla famiglia di Carmì.
Villa Marina all’epoca era un porto in cui si incrociavano le storie, i racconti nei quali si sentiva il profumo delle genziane dell’Arco Naturale o il sapore aspro delle more della Migliera. Ancora adesso l’hotel trasmette tutto ciò, conservando questo splendido mix di atmosfere casalinghe e internazionali. I figli di Carmì, amando stare in questo posto, hanno trovato il modo di viaggiare incontrando il mondo a casa propria.
Gli architetti Massimo Esposito e Valentina Pisani hanno dato alla Villa un’impronta speciale, dove lo stile mediterraneo si fonde con la modernità, insieme a numerosi pezzi antichi di proprietà della famiglia che abbelliscono le camere e le suite, rendendole una diversa dall’altra.

L’elogio alla lentezza è la filosofia di Villa Marina, anche nella scelta del lessico. Per esempio la Spa si chiama Stai, un nome che è un invito a restare, a lasciarsi coccolare da mani sapienti, con gli oli che profumano di limoni, raccolti nel giardino rigoglioso di 3000 mq che circonda l’hotel. Un trionfo di colori e profumi, tra bouganvillea, gerani, rose, le belle di notte, le russelie, le palme, gli ulivi secolari e gli agapanti che sono il simbolo dell’amore, curati dal giardiniere Alfonso. A cui si aggiunge la vista panoramica sul mare che rende questo posto paradisiaco.


Per i trattamenti e massaggi vengono utilizzati i prodotti Cinq Mondes, brand di cosmetica botanica francese di lusso, che utilizza formulazioni Green & Clean con ingredienti provenienti dalle farmacopee mondiali, escludendo qualsiasi ingrediente petrolchimico, e che racchiude rituali di benessere che combinano efficacia naturale, fascino sensoriale e tecniche orientali.
Aria è il nome con cui i fratelli decisero di chiamare il bar, per quel vento fresco, libero e profumato che spira in questa casa e dove il bartender crea cocktails personalizzati di qualità e tendenza da assaporare nella lounge in terrazza sotto le stelle.

È l’executive chef Manuele Cataruzza, friulano doc e caprese d’adozione, alle redini della cucina del ristorante Ziqù, dove propone piatti in cui si uniscono le specialità della tradizione locale insieme alle ricette segrete di famiglia, in chiave contemporanea e realizzate con le erbe aromatiche e le verdure dell’orto di Villa Marina. Oltre all’estrema qualità delle materie prime, per lo chef al primo posto c’è la sostenibilità, il 90% dei prodotti è di provenienza locale. “Cercare sempre la qualità significa avere cura degli ospiti. Rispettare la stagionalità significa amare il proprio lavoro e la propria terra. Lasciar andare l’istinto e la creatività vuol dire dare spazio alla passione” spiega lo chef.

La Pergola Terrace, immersi nella natura mediterranea, è dove si consuma la genuina prima colazione, accompagnata dal miele del favo e da frullati e spremute di frutta fresca. Villa Marina è l’essenza della mediterraneità, un hotel di charme dove il senso dell’ospitalità è al primo posto e c’è sempre un sorriso per l’ospite da parte di Francesca, terza generazione della famiglia, da zia Francesca e dal direttore Nicola Sansone. Il buen retiro di Capri per coloro che cercano un’oasi di relax, mix di lusso e sana lentezza.

 

villamarinacapri.com

 

Photo credits Studio Francesca Pagliai

Related Posts